chiosco-prefabbricato

Che titolo abilitativo è necessario per un chiosco prefabbricato?

Per realizzare un chiosco prefabbricato che tipo di autorizzazione è necessaria? Chi intende realizzare un casotto per la somministrazione di alimenti e bevande, piuttosto che per un’edicola può farlo liberamente o deve attenersi scrupolosamente alle stesse norme vigenti per chi vuole edificare un’abitazione?

Il TAR Campania nel 2016 si è espresso molto chiaramente in merito, dando conferma di quanto a livello giurisprudenziale fosse già l’orientamento prevalente, e cioè che per erigere chioschi prefabbricati sia necessario il permesso di costruire. Per i giudici del tribunale amministrativo regionale infatti, un’edicola o un chiosco sono equiparabili a quei manufatti che seppur non fissi nel suolo, alterano in maniera significativa lo stato dei luoghi ove vengono posti, in maniera continuativa, rientrando pertanto nella nozione giuridica del ‘costruire’.

Pur in assenza di muratura, di elementi infissi nel terreno, pur trattandosi di strutture removibili e precarie, la realizzazione del chiosco prefabbricato è assimilata a quella di una generica costruzione per i motivi di cui sopra, in particolare, come detto, perché la sua presenza non è limitata nel tempo.

In tutti i casi in cui si hanno dei dubbi, come per installazioni di pensiline metalliche, pergolati, gazebo, ecc. è sempre bene informarsi presso tecnici abilitati o rivolgersi ai competenti uffici amministrativi, evitando il rischio di incorrere in inutili e pesanti sanzioni.

chioschi prefabbricati, chiosco prefabbricato, gazebo, pensilina metallica, pensiline metalliche